Tomb Raider - Recensione

December 22, 2019  •  Leave a Comment

Articolo originale su Steam: https://steamcommunity.com/id/siv0968/recommended/203160/

E' difficile identificare questo genere di gioco. Tomb Raider è infatti un mix di third-person-shooter, action, arcade e una goccia di rpg. Nato e studiato per console, con tastiera e mouse risulta ben diverso dai tipici TPS.

Ci ritroviamo catapultati in un'isola ma, a differenza di quello che avviene in altri giochi, non esiste open world. La sensazione è quindi quella di trovarsi in un Far Cry o Just Cause lineare, con una possibilità di esplorazione presente ma fortemente limitata, soprattutto all'inizio.

Si ha una missione dopo l'altra da completare, ci sono numerosi challenge secondari, le zone si scoprono un po' per volta e lo stesso avviene con le armi, che migliorano pian piano in linea con la crescita in punti esperienza di Lara, che livellando le permetteranno di sbloccare alcune skill secondarie.

La trama nel complesso è "banalmente interessante": c'è la solita isola, il solito mistero sulla popolazione che ci viveva, il mix realtà/magia, i buoni/cattivi e così via. I buchi di trama sono ovviamente tantissimi, in sostanza si raggiunge la fine del gioco con una infinita sequenza di colpi di fortuna. I personaggi che circondano Lara sono puro-stereotipo, si intuisce fin dalla prima battuta cosa succederà nella scena dopo ma tant'è, non è su questo aspetto che si concentra il gioco.

Il comparto grafico è decisamente positivo: resta una produzione del 2013 ma molto ben curata e dettagliata, invecchiata più che dignitosamente.
Gli effetti audio sono ottimi e coinvolgenti. Il doppiaggio (ho giocato alla versione inglese sottotitolata) è invece nella media, mentre ho trovato (parere assolutamente soggettivo) la voce data a Lara sbagliata, con il tono troppo fanciullesco, poco azzeccato col personaggio e che le fa perdere un po' di carisma, che altrimenti avrebbe a iosa.

Come detto è un mix di generi. Come TPS è perfetto: i controlli con mouse e tastiera danno il giusto feeling. Ogni tanto si richiederà prontezza di riflessi e premere al momento giusto alcuni tasti. In altri momenti bisognerà invece destreggiarsi in parkour e salti circondati da strutture che cedono sotto i propri piedi.

Tomb Raider è un ottimo gioco. Ignorate la sequela infinita di buchi di trama. E' adatto a chi cerca un gioco impegnativo (mettete la difficoltà al massimo) ma anche al casual gamer (difficoltà al minimo). Chi lo adora troverà nei challenge motivo di giocarci per molte ore, ma a chi piace la linearità non avrà difficoltà a completare le missioni principali.


Comments

No comments posted.
Loading...

Archive
January February March (3) April (4) May (4) June (3) July (3) August September (5) October November (1) December
January (2) February (1) March April May June July August September October November December
January February March April May (6) June (21) July (14) August (1) September (13) October (10) November December
January (16) February (7) March April May June July August September (1) October (1) November December (5)
January (2) February March (2) April (1) May June (2) July August September (1) October November December
January (1) February (1) March April May June July August September October November December
January February March April May June (2) July August September October November December
January February March April May June July August September October November December (2)
January February March (1) April May June (1) July (1) August September October November December
January February March April (1) May (4) June (1) July August September October November December