Zenfolio | Andrea Donati | Bartlet for President

Bartlet for President

September 29, 2016  •  Leave a Comment

Ho passato un'intera stagione estiva dietro ad una serie TV, interrompendo di fatto tutte le attività che riuscivo a portare avanti nei buchi delle giornate. Parlo di The West Wing, serie a me sconosciuta fino a che Francesco Costa ha cominciato a parlarne nella sua newsletter sulle elezioni americane.
Poi vabbè, tutto tornava: serie sui "dietro le quinte" della politica americana, dalle recensioni eccezionali, realistica ai massimi livelli e quindi senza intrighi improbabili, storie d'amore inutili o scene d'azione fuori luogo.

Sono riuscito a recuperarla in lingua originale non senza fatica in HD, così come per i sottotitoli, trovati soltanto in inglese e che, a differenza di quelli attuali, invece di trascrivere i dialoghi ne fanno spesso un riassunto. E ho cominciato a guardarla.

The West Wing è una serie TV complicatissima. E' composta da sette stagioni: ogni puntata delle prime 4 segue i ritmi di una serie classica, autoconclusiva, con due/tre mini-storie distinte che saltuariamente si intrecciano tra loro e dalle trame verticali appena accennate. Ma queste storie sono incredibilmente complesse, intrise di politica fino all'osso, e spaziano in ogni ambito, da questioni militari a politiche economiche, dai rapporti con l'estero agli stati d'emergenza e così via, in una moltitudine di tematiche ancora oggi attuali, a più di 10 anni dalla conclusione della serie.

Il tutto con protagonisti unici e carismatici, con dialoghi lunghi, fitti e stracolmi di tecnicismi e modi di dire che, soprattutto all'inizio, mi hanno lasciato spiazzato, abituato al "simple english" con cui sono di solito caratterizzate le serie TV.

La quinta stagione è un cuscinetto: Aaron Sorkin, l'acclamato sceneggiatore delle prime 4, ha salutato tutti e i nuovi hanno provato a replicarne il format con risultati un po' noiosi. Il risultato è che la sesta e settima stagione abbandonano quasi completamente gli intrecci orizzontali e creano un'unica e coinvolgente trama verticale - molto più fluida e semplice rispetto alle stagioni precedenti - che mi ha accompagnato fino all'ultima puntata dell'ultima stagione.

In vita mia non ho mai visto una serie così ricca di argomenti, così intelligente, così complessa e mai noiosa: certo, deve piacere la politica, ovvero devono piacere le complessità, i problemi e le modalità che muovono la politica ai "bassi livelli".
The West Wing è una tipica serie "classica" da Netflix - non a caso in Netflix US c'è - e mi sono già ripromesso, se ne compreranno davvero i diritti, di riguardarla per intero sottotitolata in italiano: non passeranno di nuovo 5 mesi, certo, ma ne varrà assolutamente la pena.


Comments

No comments posted.
Loading...
Subscribe
RSS
Archive
January February March (3) April (4) May (4) June (3) July (3) August September (5) October November (1) December
January (2) February (1) March April May June July August September October November December
January February March April May (6) June (21) July (14) August (1) September (13) October (10) November December
January (16) February (7) March April May June July August September (1) October (1) November December (5)
January (2) February March (2) April (1) May June (2) July August September (1) October November December
January (1) February (1) March April May June July August September October November December
January February March April May June (2) July August September October November December