Zenfolio | Andrea Donati | Sleeping Dogs - Recensione

Sleeping Dogs - Recensione

October 25, 2015  •  Leave a Comment

Articolo originale su Steam - http://steamcommunity.com/id/siv0968/recommended/202170

L'inizio non è dei più convincenti. Sleeping Dogs dà l'impressione di essere estremamente "legnoso", con movimenti poco reattivi, forzati. I primi combattimenti corpo a corpo non migliorano la situazione, mentre si cerca vanamente di gestire la visuale in terza persona girando il protagonista verso i nemici.

Poi, piano piano, salta fuori il gioco esattamente come quelli della United Front Games lo avevano pensato. Le scomodità del sistema di movimento si imparano a padroneggiare, così come il combattimento. Con un'ottima trama e una marea di missioni e achievement, Sleeping Dogs lentamente si apre in tutto il suo splendore, donando parecchie ore di divertimento.

Dopo questa lunga premessa, vediamo di scoprire di cosa stiamo parlando. Sleeping Dogs è un open world d'azione in terza persona ambientato ad Hong Kong. Si potrà viaggiare in lungo e in largo per tutta la mappa della città fin dall'inizio del gioco, e le missioni che si sceglierà di affrontare (ci sono sostanzialmente due filoni principali) punteranno moltissimo su questo continuo spostarsi da un distretto all'altro.
Qui devo già fermarmi per sottolineare un difetto, ovvero non c'è una accurata diversificazione dei vari quartieri, tanto più che bisognerà consultare la mappa in continuazione per capire dove ci si trovi. In sostanza si gira in auto ma l'ambientazione è sempre uguale a se stessa, risultando quindi all'inizio estremamente affascinante - tutto è riprodotto con estrema cura, dagli enormi grattacieli ai piccoli mercatini rionali - per poi piano piano diventare un contorno che si nota appena.

Il protagonista è estremamente carismatico, attorniato da personaggi altrettanto memorabili, per quanto forse un po' troppo fisicamente e caratterialmente stereotipati. Boccio sicuramente il sistema di vestiario del personaggio, customizzabile a piacere ma estremamente assurdo. Alcuni vestiti e accessori donano infatti dei bonus e indossarli quindi conviene. Tuttavia a volte ci si ritroverà con il nostro personaggio vestito da perfetto idiota mentre fa da protagonista a scene a volte seriose o struggenti del gioco, rendendole alquanto ridicole e snaturando la trama.
Comunque voto positivo alla grafica, che per quanto non sia certo perfetta, riesce comunque ad essere convincente, soprattutto nei combattimenti corpo a corpo, il cuore del gioco, dove traspare l'enorme impegno nel renderlo quanto più possibile fluido, realistico e d'impatto.
Il gioco non è però solo combattimento corpo a corpo: le missioni prevedono anche scontri a fuoco, realizzati in maniera più che discreta; inseguimenti e sparatorie in auto, che promuovo in pieno - per quanto le auto abbiano un raggio di sterzata immenso e le moto siano per lo più ingovernabili; inseguimenti a piedi, che purtroppo non raggiungono la sufficienza a causa della legnosità di risposta ai comandi.
In merito al comparto sonoro, io ho giocato a Sleeping Dogs con audio e sottotitoli in inglese. Il doppiaggio è nella norma, gli effetti sonori - soprattutto durante i combattimenti - sono di alto livello e la lingua non risulta complicata da capire.

La durata di questo gioco è variabile a seconda di quanto si deciderà di affiancare le missioni secondarie e gli achievement alle trame principali. Diciamo che con solo queste ultime il gioco si fa in meno di 20 ore; insieme alle missioni secondarie e agli achievement principali, come ho fatto io, si arriva alle 30 ore. Aggiungendo anche achievement un po' più lunghi da completare, si potrebbe arrivare anche a 40 ore, ma anticipo che sarebbero una decina d'ore molto meno divertenti rispetto alle altre. A differenza di altri open world quale può essere GTA, tanto per fare un nome, diciamo che Sleeping Dogs al termine della trama tende a concludersi definitivamente, senza più stimoli che diano un senso al continuare a giocarlo.

In sintesi Sleeping Dogs è un open world orientato al combattimento corpo a corpo, ma che non disdegna scontri a fuoco e inseguimenti sia a piedi che in auto. Stracolmo di missioni, con una bella trama, personaggi carismatici, impegnativo ma per nulla frustrante, è un gioco che consiglio ma, perché c'è un "ma", soltanto agli amanti del genere. Purtroppo, pur abituandosi, il gioco resta malamente reattivo, i combattimenti sono un piacere per gli occhi e le orecchie ma alla lunga diventano tutti un "appena il nemico diventa rosso premi il tasto destro del mouse" e Hong Kong è meravigliosa e dettagliata ma anch'essa alla lunga resta sempre uguale a se stessa.
E' un bel gioco, ben lontano dall'essere perfetto, ma un ottimo passatempo per gli amanti degli open world d'azione.


Comments

No comments posted.
Loading...
Subscribe
RSS
Archive
January February March (3) April (4) May (4) June (3) July (3) August September (5) October November (1) December
January (2) February (1) March April May June July August September October November December
January February March April May (6) June (21) July (14) August (1) September (13) October (10) November December
January (16) February (7) March April May June July August September (1) October (1) November December (5)
January (2) February March (2) April (1) May June (2) July August September (1) October November December
January (1) February (1) March April May June July August September October November December
January February March April May June (2) July August September October November December