Tre premiazioni e un ritorno in albergo

June 26, 2018  •  Leave a Comment

Adesso vi spiego il motivo per cui questa foto mi piace.

Mi piace il contrasto tra il giocatore a fuoco e lo sfondo, un effetto bokeh che coi cellulari va tanto di moda dire.
Mi piace il fango sulla divisa, sporca, stropicciata sopra al sedere, il simbolo del Punitore sul casco, i guanti con la linguetta aperta, le braccia luride, insomma quel senso di selvaggio che fa tanto stereotipo del football americano.
Poi mi piacciono i colori, con il giocatore in primo piano quasi in bianco e nero (vabbè è grigio, ci siamo capiti, poi il fango accentua questa sensazione) e lo sfondo anch'esso fangoso ma con i marker gialli, l'erba e il giocatore blu che fanno da contrasto e risaltano ancor di più il giocatore in primo piano.
Ho parlato di sfondo: cosa non mi piace di questa foto? Non mi piacciono gli elementi dello sfondo - appunto - che risultano anonimi: non c'è una squadra schierata o in huddle, non c'è un giocatore rivolto verso il protagonista. Pazienza. Personalmente gli elementi positivi hanno superato il negativo.
Per dire, avevo tante foto d'azione, ne ho scelta una che è esattamente l'opposto.
Qui c'è l'attesa tra un'azione e l'altra, in mezzo ad un campo melmoso, a riprendere fiato contro una squadra tosta. E questo per me è stato il più forte significato del football fotografato fino alla data del concorso, a cui ho partecipato inviando questa foto.
Comunque sia.
Come anticipato nell'altro post, non l'ho condivisa, non l'ho promossa, non ho chiesto like in un sistema di voto peggiore del campo in cui Giovanni, i suoi compagni dei Braves e i Warriors calcavano quella sera. E infatti non è finita in finale. Non saprò se non c'è finita perché è una foto di merda - e probabilmente è così - o perché non l'ho voluta condividere. Ma un sistema dove vince chi chiede i like agli amici non merita di essere promosso. Almeno non da me.
Il mio applauso va alle (belle) foto, non a chi sarà il vincitore. Che spero non se la prenderà se durante la premiazione io starò impacchettando armi e bagagli per tornare in albergo.
Ci vediamo a Parma.


Comments

No comments posted.
Loading...
Subscribe
RSS
Archive
January February March (3) April (4) May (4) June (3) July (3) August September (5) October November (1) December
January (2) February (1) March April May June July August September October November December
January February March April May (6) June (21) July (14) August (1) September (13) October (10) November December
January (16) February (7) March April May June July August September (1) October (1) November December (5)
January (2) February March (2) April (1) May June (2) July August September (1) October November December
January (1) February (1) March April May June July August September October November December
January February March April May June (2) July August September October November December