La messa a letto - parte III

January 06, 2015  •  Leave a Comment

Siamo arrivati finalmente alla messa a letto.

La soluzione più semplice, ovvero sistemare le coperte a Boccola, salutarla e dedicarmi alla messa a letto di Ricciolo, non è praticabile. Come ho scritto nel post precedente, Boccola ha bisogno di un scaletta ben precisa e siamo arrivati alla favola. Non si può saltare ne' posticipare, perché la pazienza della bimba si è esaurita durante la canzone dei dentini e se le chiedessi di aspettare ancora sentirei la sua voce ripetere "quando hai fatto vieni quiiiii?" ogni 30 secondi (se va bene), all'infinito.

Ovvio che così non si può fare, quindi devo trovare qualcosa per intrattenere Ricciolo nel corso della favola. E non c’è nulla di meglio del pasto finale: il biberon. Solitamente il bimbetto beve il biberon nel lettino di fianco a mamma, prima di "rotolare" nel sonno. Questa volta bisogna cambiare un po' le carte in tavola e anticipare la nutrizione. Quindi mentre Boccola si mette il pigiama e Ricciolo viene lasciato per terra a compiere le sue ultime demolizioni sulle costruzioni Duplo rimaste ancora in piedi, io preparo il biberon.
L'idea è quella di tornare in camera dei bimbi, mettere Ricciolo in fondo al letto con il biberon in bocca e leggere la favola a Boccola; purtroppo questo è uno scenario ideale che quasi mai avviene.

In realtà quando torno trovo Boccola che se va bene si è tolta i vestiti, solitamente si distratta a canticchiare qualcosa. Ha quattro anni, fa tutto da sola, che mi lamento! Ok, fa tutto da sola ma non è da sola. Guardo in basso e Ricciolo, che nel frattempo ha gattonato verso di me, inizia ad arrampicarsi sulle mie gambe in direzione biberon, già pronto ad urlare se non dovessi sbrigarmi a dargli il dovuto.

Quindi la mia speranza di avere tutto sotto controllo va a farsi benedire, e mentre Boccola lotta nel cercare l’etichetta dei pantaloni da mettere dietro, pronta per occupare tutto il letto mentre li tira per indossarli, depongo Ricciolo nell'angolo opposto del lettino, mentre mi guarda con i suoi occhioni lucidi strillando a più non posso. Il problema è che il biberon non glielo posso dare subito altrimenti si scombinano i tempi (più sotto spiego le conseguenze): quindi c’è la snervante attesa che Boccola si metta i pantaloni del pigiama, un'attesa che mi sembra non finire mai.

Poi avviene il miracolo, con Boccola sdraiata da una parte pronta a godersi la favola, Ricciolo dall'altra tutto gioioso a "ciupare" il suo biberon.

La favola! Allora ne parlerò diffusamente in un altro post, ma una sintesi comunque ci vuole: per almeno 2 anni ho cercato i libri “ideali”, ovvero quelli con storie ricche di disegni e lunghe non più di 5 minuti ciascuna. Questo perché Boccola ama guardare quello che leggo, e dato che non sa leggere si rifugia nei disegni di contorno. Mentre leggo le indico col dito le immagini che rappresentano ciò che sto leggendo, quindi quei libri senza disegni o con pagine fitte-fitte di scritte con una misera figura rimangono nello scaffale delle librerie.
Poi le storie devono essere corte, corte, corte per la miseria! Da bravo genitore ignorante, uno dei primi libri che ho comprato aveva storie che duravano pagine e pagine, e un genitore ignorante non sa che un bimbo fa mooolta fatica ad accettare di interrompere di punto in bianco una favola per finirla il giorno dopo.
Beh alla fin fine qualche libro in grado di soddisfare questi due punti l'ho trovato, solo che quando c’è Ricciolo di fianco è bene verificare in anticipo l'effettiva lunghezza della storia.

Se finisce prima del biberon è tutto ok.
Se finisce dopo, vi descrivo cosa accade: Ricciolo appoggia di fianco il biberon, con uno sforzo sovrumano si mette seduto (c’è un quarto di litro di latte nella sua panza e lui pesa 10 chili, è come se noi bevessimo due litri d’acqua in cinque minuti).
Si guarda intorno e vede un libro aperto: i libri ha imparato a sfogliarli, gli piace molto farlo, ok, ma questo non è il momento giusto per farlo perché sto leggendo! Beh vaglielo a dire, ha 14 mesi. Quindi devo sollevare il libro per allontanarlo, il tutto mentre leggo, con Boccola che si allunga per vedere le figure del libro e Ricciolo che si arrampica sul bordo del letto per raggiungere le pagine da sfogliare.

In pratica il libro è diventato il centro di gravità della cameretta, dove tutto converge.

Insomma, devo dosare la velocità di lettura buttando sempre un occhio al livello di latte, perché l’ideale è finire esattamente quando finisce il biberon: a quel punto Ricciolo lo si può prendere in braccio, ciaociao Boccola, luce spenta e si va nell'altra stanza, dove ci sono il lettone e l'altro lettino.

Addormentare Ricciolo è un terno al lotto: se è già cotto in pochi istanti veleggia beato nel mondo dei sogni, ma se ha ancora qualche forza in corpo, mi basta ricordare quanto scritto all'inizio: è figlio del demonio. Se metto il mio viso troppo vicino al suo per salutarlo, con i suoi “modini delicati” ti accarezza le guance, solitamente a suon di sberloni, di quelli che fanno un “ccciafff” assordante, poi ovviamente parte la modalità "gattonamento" e cerca di lanciarsi giù dal letto. In sostanza addormentare Ricciolo significa costruire una muraglia intorno a lui e sperare che tenga le mani occupate a ciucciare il pollice con una mentre si fa i riccioletti nei capelli con l’altra. Il tutto con gli occhi spalancati, che poi, nel tempo del mai, si chiudono.

Mi alzo, barcollo fino al PC e guardo l’ora: 22.30. E dire che mi sembravano le 2 di notte. SantaPazienza è malata, e il giorno dopo dirà la stessa cosa che dice quando arriva la sera dopo cena: "i bimbi sono nei loro letti? Come hai fatto?". E che ne so, in quei momenti non ci penso più, mi butto a pesce nell'agognata soddisfazione di essere riuscito nella mia "organizzazione perfetta".
Per questo l’ho scritto qui: per non dimenticare.


Comments

No comments posted.
Loading...
Subscribe
RSS
Archive
January February March (3) April (4) May (4) June (3) July (3) August September (5) October November (1) December
January (2) February (1) March April May June July August September October November December
January February March April May (6) June (21) July (14) August (1) September (13) October (10) November December
January (16) February (7) March April May June July August September (1) October (1) November December (5)
January (2) February March (2) April (1) May June (2) July August September (1) October November December
January (1) February (1) March April May June July August September October November December
January February March April May June (2) July August September October November December